/upload/header/Our-History-anni-70.jpg

’70 – Pionieri

1972. Per iniziativa di Romano Volta, Datalogic nasce in un locale nella canonica della parrocchia di Quarto Inferiore, alle porte di Bologna. In principio la produzione è rivolta ad apparecchi elettronici, ma nel giro di breve avviene la svolta verso la progettazione e produzione di controlli fotoelettrici per l’industria del tessile, delle ceramiche e dell’imballaggio. Servirà presto uno stabilimento più grande: nasce la sede a Lippo.

1974. Inizia l’espansione in campo internazionale con l’apertura  di un piccolo ufficio a Nürtingen, in Germania per la distribuzione dei prodotti Datalogic.

1976. Inizia la commercializzazione dei prodotti Datalogic in Giappone.

1978. In considerazione dell’importanza del mercato americano viene costituita la prima società commerciale negli Stati Uniti.

Alla fine degli anni 70 viene potenziata la rete di vendita ed assistenza clienti con la costituzione di filiali in tutti i principali paesi europei.

’80 – Nuovi orizzonti

1980. Viene dato un forte impulso alla ricerca nel campo della lettura ottica del codice a barre. Vengono realizzate importanti applicazioni industriali in Europa con gli esclusivi scanner a raggio laser per le quali Datalogic diventa un leader tecnologico di riferimento.

1984. La prima applicazione di lettore di codice a barre in un aeroporto: siamo a Milano - Linate.

1988. Proseguendo la politica di espansione internazionale, Datalogic apre nuove sedi di ricerca, produzione e vendita e in questo anno acquisisce la Escort Memory Systems in California, attiva nel mercato delle etichette elettroniche e RFID.

In questo decennio Datalogic è presente con stabilimenti, filiali e distributori nei cinque continenti di Europa, America, Oceania, Asia ed Africa.



 

’90 – Il punto di Volta

1993. Romano Volta guida Datalogic verso una nuova organizzazione manageriale .

Viene lanciato un ambizioso Piano Strategico di Miglioramento a 3 anni (1993 – 1995) per trasformare Datalogic in  “una realtà industriale con una crescita costante e duratura, importante a livello internazionale, per risultati, reputazione ed immagine”. E’ il cosiddetto “Punto di Volta”.

1995. Viene aperto un nuovo stabilimento produttivo a Pescara.

1995. Viene costituita una joint venture con il gruppo giapponese Izumi per sviluppare l’attività commerciale in Giappone e in Estremo Oriente.

1997. Datalogic acquisisce la società IDWare Mobile Computing & Communications, il maggiore produttore europeo di terminali portatili.

1999. Datalogic realizza la prima applicazione RFID al mondo  in un ufficio postale.

 

Nuovo millennio - Innovare per crescere

2000. Nasce la prima soluzione di self-shopping (ShopevolutionTM) che prevede l'utilizzo di un piccolo computer palmare con lettore di codici a barre integrato che consente di fare una spesa veloce, piacevole e soprattutto senza code.

2001. Datalogic si quota al Nuovo Mercato della Borsa di Milano.

2002. Nel frattempo continua l’espansione dell’azienda con l’acquisizione di Minec, produttore svedese di terminali portatili.

2004. Viene completata l’acquisizione di Laservall, azienda attiva nel settore della marcatura laser .

2005. A marzo Datalogic acquisisce Informatics, azienda americana che opera nel settore della vendita on line di prodotti per l’Identificazione Automatica.

2005. Una tappa fondamentale nello sviluppo di Datalogic viene raggiunta ad ottobre 2005 con l’acquisizione della americana PSC, con sede a Eugene, Oregon. Datalogic diventa così la terza società al mondo nel mercato dei lettori di codici a barre, raddoppiando il fatturato. L'acquisizione di PSC permette a Datalogic di affermare di essere un vero pioniere nella lettura del codice a barre. Era il 26 giugno 1974, infatti, quando per la prima volta il codice di una confezione di Wrigley Juicy Fruit veniva letto nel supermercato Marsh a Troy in Ohio dallo scanner Magellan Modello A, il primo lettore da banco al mondo. Quel primo scanner si trova oggi nel museo all’ingresso dello stabilimento di Datalogic a Eugene.

2006. Viene costruita la nuova fabbrica di Trnava, in Slovacchia che copre una superficie di  5.400 mq.

2008. Datalogic annuncia l'acquisizione di Datasensor, un'operazione dalla forte valenza industriale che consolida la posizione di Datalogic nel settore dell'Automazione Industriale.

2009. A Datalogic il "Premio dei Premi": l’8 giugno il Presidente Romano Volta riceve dalle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il “Premio Imprese per l’Innovazione” quale azienda che ha saputo crescere in Italia e nel mondo attraverso investimenti in innovazione.

2009. Dopo Europa e Stati Uniti, continua in Asia l'espansione di Datalogic: il 10 luglio viene inaugurato il nuovo stabilimento in Vietnam situato nell'High Tech Park di Saigon (SHTP). Prosegue, dunque, la strategia di evoluzione dell'internazionalizzazione di Datalogic e la sua espansione mondiale attraverso la presenza diretta nelle aree geografiche strategiche di strutture e risorse locali che seguano tutto il ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione alla produzione, fino alla distribuzione e assistenza post vendita.

2010. Datalogic annuncia l'acquisizione di Evolution Robotics Retail, società californiana dotata di tecnologie all'avanguardia nel campo della tecnologia di visione "visual pattern recognition".

2011. Datalogic completa l'acquisizione di PPT Vision, società statunitense presente nel settore della visione da circa 30 anni, completando l’offerta di alto di gamma di soluzioni e servizi nell’innovativa tecnologia della “machine vision”.

2012.  Viene completata l’acquisizione  di Accu-Sort Systems Inc., con sede a Telford, Pennsylvania, società americana leader sul mercato statunitense nel design, produzione, integrazione e manutenzione di sistemi di identificazione automatica. In questo modo il Gruppo Datalogic raddoppia la propria presenza nel mercato dell’Industrial Automation.

2015. Datalogic acquisisce il 20% di CAEN RFID Srl, società italiana all'avanguardia nella tecnologia RFID-Radiofrequency Identification nella banda Ultra High Frequency (UHF). Il Gruppo Datalogic amplia così la sua gamma di offerta soprattutto nel segmento Retail (non food), nel Warehousing e nel segmento T&L.

 

Flying higher

Datalogic oggi è leader nel mercato dell'acquisizione automatica dei dati e dell'automazione industriale. Dispone di 12 centri di Ricerca e Sviluppo nel mondo, con 480 ingegneri e un patrimonio di oltre 1200 brevetti.
I prodotti e le soluzioni innovative Datalogic sono utilizzati in oltre un terzo dei supermercati e dei punti di vendita in tutto il mondo, come pure in un terzo degli aeroporti, dei servizi postali e di spedizione.
Nel 2015 Datalogic ha fatturato 535,1 milioni di Euro di cui il 8,5% in Italia, il 41,6% in Europa, il 30,1% in Nord America, il 13,4% in Asia/Pacific e il 6,6% nel Resto del Mondo.
Conta oltre 2500 dipendenti distribuiti in 30 Paesi tra Europa, Asia, Stati Uniti e Oceania.