/upload/header/investor.jpg

Datalogic S.p.A. (Star: DAL.MI) raddoppia il fatturato con l’acquisizione della societa’ americana PSC e convoca l’assemblea dei soci per deliberare un aumento di capitale


Bologna, 24 ottobre 2005 - Datalogic ha sottoscritto un contratto vincolante tra le parti per l'acquisto della totalità  delle azioni della società  statunitense PSC.

L'accordo è stato raggiunto con Littlejohn & Co. LLC, società  di gestione di fondi e unico rappresentante degli azionisti di PSC; il prezzo pattuito è di circa 195 milioni di dollari (enterprise value) da pagarsi in un'unica soluzione entro il prossimo mese di Dicembre.

Il Gruppo PSC, con headquarter a Eugene (Oregon) da oltre trent'anni sviluppa, produce e commercializza scanner fissi per il mercato retail, lettori manuali e terminali portatili. PSC rappresenta uno dei pionieri nel mercato AIDC: è a questa società  che si deve nel 1974 l' introduzione del primo scanner fisso per la lettura del barcode nel punto vendita.
Il Gruppo PSC ha una struttura commerciale worldwide (presenza diretta in sedici paesi e clienti in oltre cento).

PSC ha chiuso il 2004 con i seguenti risultati:

  • ricavi pari a 228 milioni di dollari (+23% verso il 2003)
  • margine operativo lordo (EBITDA) di 21,6 milioni di dollari, pari al 9,4% dei ricavi ed in crescita di oltre il  40% rispetto all'esercizio precedente
  • un utile operativo (EBIT) di 11,3 milioni di dollari, pari al 4,9% dei ricavi ed in crescita di oltre il 110% rispetto all'esercizio precedente
  • una posizione finanziaria netta positiva per 2,4 milioni di dollari.

L'acquisizione viene finanziata da Datalogic (a regime) mediante ricorso a debito bancario per 95 milioni di dollari e con mezzi propri per i restanti 100 mil. (liquidità  per circa 24 milioni di dollari e aumento di capitale per circa 76 mil.). La parte relativa all'aumento di capitale viene prefinanziata, alternativamente, a scelta di Datalogic, tramite una vendor note emessa dal Venditore o tramite un finanziamento ponte ottenuto da primarie Banche italiane. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all'Assemblea dei Soci (prevista entro la prima metà  del mese di Dicembre 2005) l'emissione di massimo n. 3.496.500 azioni da nominali Euro 2,08 e un sovrapprezzo compreso fra i 19,92 e 20,92 Euro, in forma scindibile ed in opzione ai Soci.
 
Tamburi & Associati S.p.A. (T&A), in qualità  di regista dell'operazione incaricata da Datalogic, ha promesso, ai sensi dell'art. 1381 cod. civ., che in caso di mancata integrale sottoscrizione dell'aumento di capitale da parte degli azionisti, le azioni rimaste inoptate vengano integralmente sottoscritte da soggetti terzi dalla stessa individuati. Pertanto, T&A ha assunto l'incarico di avviare contatti con primari investitori (tra cui la controllante Tamburi Investment Partners S.p.A., attualmente titolare del 2,21% del capitale sociale di Datalogic) per poter arrivare in tempi rapidi alla totale copertura dell'aumento di capitale, per il quale non si prevede la costituzione di consorzi di garanzia e/o collocamento. Gli impegni di T&A sono comunque subordinati al fatto che il Closing dell'acquisizione di PSC Inc. (previsto per il prossimo mese di Dicembre) avvenga entro l'ultimo giorno utile per la sottoscrizione dell'aumento di capitale, nonchè alla disponibilità  di Hydra S.p.A., socio di controllo di Datalogic S.p.A., di cedere a T&A, per sè o per soggetti da nominare, l'80% dei diritti di opzione ad essa spettanti in relazione al predetto aumento di capitale.

Nei prossimi giorni sarà  cura di Datalogic tenere informati circa gli sviluppi e l'esito di tali contatti e le tempistiche dell'aumento di capitale.

"Con questa operazione - ha affermato Roberto Tunioli, Amministratore Delegato di Datalogic - il Gruppo Datalogic realizza una crescita dimensionale di assoluto rilievo che la proietta fra i primi tre operatori a livello mondiale nel nostro mercato, rafforzando contestualmente il proprio posizionamento competitivo nel mercato retail e in aree geografiche, quali Stati Uniti ed Asia, di eccezionale importanza strategica."