/upload/header/investor.jpg

Datalogic (Star: DAL) - Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione semestrale al 30 Giugno 2014


Ricavi di vendita pari a 224,0 milioni di Euro in crescita del 2,4% rispetto a 218,8 milioni di Euro registrati nel primo semestre 2013

• Continuano gli investimenti in R&D cresciuti da 17,4 milioni di Euro a 19,8 milioni di Euro con un’incidenza che passa dall'8% all’8,9% sul fatturato


• Forte crescita dell’EBITDA: +30,2% a 34,2 milioni di Euro rispetto a 26,2 milioni di Euro del primo semestre 2013 - EBITDA Margin sale dal 12% al 15,2%

• Utile netto in crescita del 48,9% a 15,2 milioni di Euro rispetto a 10,2 milioni di Euro del primo semestre 2013

• Indebitamento finanziario netto consolidato in miglioramento a 86,0 milioni di Euro rispetto ai 97,0 milioni di Euro al 31 dicembre 2013

 
Bologna, 30 luglio 2014 – Il Consiglio di Amministrazione di Datalogic S.p.A. (Borsa Italiana S.p.A.: DAL), società quotata presso il Mercato Telematico Azionario – Segmento Star – organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (“Datalogic”) e leader mondiale nei mercati dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale e produttore di lettori di codici a barre, mobile computer per la raccolta dati, sensori, sistemi di visione e sistemi di marcatura laser, ha approvato in data odierna la relazione semestrale al 30 giugno 2014.

I risultati del primo semestre, che chiude con una crescita del 30,2% dell’EBITDA a 34,2 milioni di Euro e un aumento del 48,9% dell’utile netto a 15,2 milioni di Euro, confermano il trend positivo di miglioramento, in particolare nel segmento ADC, e attestano la capacità del Gruppo nell’incrementare la marginalità operativa nonostante una crescita più contenuta dei ricavi di vendita e i crescenti investimenti in Ricerca e Sviluppo.

Il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic, Romano Volta, ha così commentato: “l positivi risultati ottenuti nel primo semestre in tutti gli indicatori confermano la capacità del Gruppo di sapere anticipare i bisogni del mercato e di riuscire ad efficientare i processi interni. Un primo esempio sono i prodotti lanciati nel corso del 2013, in particolare nel segmento retail, che continuano ad avere un buon riscontro in tutti i mercati di riferimento con particolare enfasi in Europa. Molto positivo anche l’andamento nei mercati ad elevata crescita quali Cina ed America Latina, grazie ai continui investimenti in corso sia sul fronte produttivo – recente apertura in Brasile – che commerciale. Per ciò che riguarda la divisione Industrial Automation, da segnalare una lieve ripresa rispetto al trimestre precedente anche se permane un andamento poco soddisfacente delle vendite soprattutto nel Nord America. Siamo convinti che una revisione della strategia di mercato con particolare focus in Nord America possa permettere di cogliere le numerose opportunità di business che la nostra gamma prodotti è in grado di soddisfare. Da segnalare infine la crescita, sia in valore assoluto che in percentuale sui ricavi, degli investimenti in Ricerca & Sviluppo, un’area fondamentale per lo sviluppo strutturale”.

I ricavi di vendita consolidati del primo semestre 2014 si attestano a 224,0 milioni di Euro in crescita del 2,4% rispetto ai 218,8 milioni di Euro dello stesso periodo dell’anno precedente. A cambi Euro/Dollaro costanti la crescita rispetto all’esercizio precedente sarebbe stata pari al 4,5%. Il booking nel corso del trimestre – gli ordini già acquisiti – è stato pari a 116,3 milioni di Euro.

Il margine lordo di contribuzione è pari a 109,1 milioni di Euro in crescita del 5,5% rispetto ai 103,4 milioni di Euro dello stesso periodo dell’esercizio precedente, con un aumento di 1,4 punti dell’incidenza percentuale sui ricavi totali passata dal 47,3% al 48,7%.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) del Gruppo è cresciuto del 30,2% e si è attestato a 34,2 milioni di Euro rispetto ai 26,2 milioni di Euro del primo semestre 2013, con una crescita della marginalità del semestre (EBITDA margin) dal 12,0%, al 15,2%. Da evidenziare la diminuzione delle Spese Amministrative Generali del 12,5% a 20 milioni di Euro come risultato di un’azione volta al contenimento dei costi.

Sempre maggiori gli investimenti in spese per Ricerca e Sviluppo cresciuti sia in valore assoluto, da 17,4 milioni di Euro del primo semestre 2013 a 19,8 milioni di Euro, che in percentuale sui ricavi - da 8,0% ad 8,9% nei rispettivi semestri – confermando l’importanza di tali spese per lo sviluppo e la crescita delle attività.

L’EBITANR [1] si attesta a 28,6 milioni di Euro in crescita del 34,7% rispetto ai 21,2 milioni di Euro del primo semestre 2013.

Il Risultato Operativo (EBIT) evidenzia una crescita del 21% da 19,4 milioni di Euro a 23,5 milioni di Euro, dopo aver contabilizzato oneri di natura non ricorrente per 2,4 milioni di Euro (1,0 milioni di Euro di proventi di natura non ricorrente nel primo semestre 2013) principalmente riconducibili a costi di riorganizzazione della divisione Industrial Automation.  Dopo oneri finanziari per 4,8 milioni di Euro rispetto a 4,2 milioni di Euro del primo semestre 2013 e utili su cambi per 0,2 milioni di Euro rispetto perdite su cambi per 1,1 milioni di Euro del primo semestre 2013, l’utile netto di Gruppo si attesta a 15,2 milioni di Euro rispetto a 10,2 milioni di Euro realizzati nello stesso periodo dell’esercizio precedente.

La posizione finanziaria netta al 30 giugno 2014 risulta negativa per 86,0 milioni di Euro, in deciso miglioramento rispetto ai 97,0 milioni di Euro al 31 dicembre 2013 e ai 97,4 milioni di Euro al 31 marzo 2014, grazie alla continua generazione di cassa. Il trade working Capital è pari a 54,9 milioni di Euro al 30 giugno 2014 in aumento rispetto ai 39,0 milioni di Euro al 31 dicembre 2013.


[1] EBITANR – Earnings before interest, taxes, acquisition and non recurring – Risultato operativo ordinario prima dei costi e ricavi non ricorrenti e degli ammortamenti derivanti da acquisizioni


ANDAMENTO TRIMESTRALE

A livello trimestrale, i risultati del secondo trimestre dell’esercizio 2014 appaiono in netto progresso a livello operativo sia rispetto al primo trimestre del 2014 che rispetto al secondo trimestre dell’esercizio precedente, in particolare a livello di recupero della marginalità: i ricavi di vendita si attestano a 115,8 milioni di Euro (+7,0% rispetto al trimestre precedente e –0,8% sul secondo trimestre 2013), l’EBITDA a 18,7 milioni di Euro (+20,8% rispetto al primo trimestre 2014 e +22,9% sul secondo trimestre 2013), ed il risultato operativo ordinario (EBITANR) a 15,9 milioni di Euro (+25,8% rispetto al primo trimestre 2014 e +27,1% rispetto al secondo trimestre 2013).


Confronto secondo trimestre 2014 e secondo trimestre 2013

Confronto trimestre 2014 / 2013

Confronto secondo trimestre 2014 e primo trimestre 2014

Confronto trimestre 2014 / 2013


ANDAMENTO PER DIVISIONE

Di seguito si forniscono le vendite (comprensive dei ricavi infrasettoriali) e i risultati di settore (prima dei costi e ricavi non ricorrenti e degli ammortamenti derivanti da acquisizioni - EBITANR) per il primo semestre del 2014 delle singole Divisioni Operative.


Andamento per divisione


La Divisione ADC (Automatic Data Capture) specializzata nella produzione di scanner fissi per il mercato retail e di lettori manuali e mobile computers per uso professionale, ha registrato un fatturato di 149,1 milioni di Euro in crescita del 11,2% rispetto ai 134,2 milioni di Euro nel primo semestre 2013. Tale divisione beneficia di un trend positivo su tutte le linee di business grazie al lancio di prodotti altamente innovativi nel segmento retail ed in tutte le geografie grazie ad un maggior presidio del territorio ed all’introduzione di un nuovo programma di canale.

La Divisione Industrial Automation specializzata nella produzione di sistemi d’identificazione automatica, sicurezza, rilevazione e marcatura per il mercato dell’Automazione Industriale, ha registrato un fatturato di 62,7 milioni di Euro, in contrazione del 9,3% rispetto ai 69,0 milioni di Euro conseguiti nel primo semestre 2013. La Divisione, che continua ad essere penalizzata dal posticipo di progetti nel postale negli Stati Uniti, a fronte di una crescita significativa in Cina ed America Latina e di una sostanziale stabilità nel mercato Europeo ed Asiatico, è al centro di un processo di profonda riorganizzazione sia in termini produttivi che di modalità di vendita, finalizzato al recupero della redditività e di più elevati tassi di crescita.

Infine Informatics ha registrato un fatturato pari a 12,5 milioni di Euro rispetto agli 11,2 milioni di Euro del primo semestre 2013. Il secondo trimestre dell’anno ha visto l’insediamento di un nuovo General Manager con esperienza decennale nel settore dell’identificazione automatica e di soluzioni SW per il retail.


ANDAMENTO PER AREA GEOGRAFICA

In merito alle aree geografiche, nel primo semestre 2014, si è evidenziato un andamento positivo del mercato europeo con una crescita del 13,2%, a 117,7 milioni di Euro. Il mercato nordamericano, in diminuzione del 14,2% a 64,6 milioni di Euro, ha evidenziato una certa debolezza imputabile al segmento dell’Industrial Automation. Molto positivo l’andamento delle vendite nell’America Latina e nella Greater China con buoni contributi da entrambe le divisioni.


EVENTI NEL SEMESTRE

Nel corso del semestre è stato perfezionato un collocamento di n. 6.295.018 azioni, corrispondenti a circa il 10,8% del capitale sociale, attraverso una procedura di Accelerated Bookbuilding rivolta esclusivamente ad investitori istituzionali.

Con decorrenza 30 giugno 2014, è stato raggiunto un accordo con l’Amministratore Delegato della divisione Industrial Automation, dott. Gian Paolo Fedrigo il quale ha deciso di lasciare l’azienda per valutare nuove opportunità e iniziative professionali. La posizione di Amministratore Delegato della divisione è stata assunta dalla dott.ssa Valentina Volta, membro del Consiglio di Amministrazione di Datalogic S.p.A.


EVENTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL SEMESTRE


Nel mese di luglio è stato inaugurato un nuovo stabilimento da 2.200 metri quadrati in Brasile. L’investimento di Datalogic è stato pari a 2 milioni di dollari.


PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELL’ATTIVITÀ PER L’ESERCIZIO IN CORSO


I risultati del primo semestre confermano, anzi rafforzano, il trend positivo iniziato nella seconda parte dell’esercizio 2013, a testimonianza della validità delle scelte strategiche effettuate. Da sottolineare in particolare la crescita evidenziata nella divisione ADC, dovuta principalmente al successo, in particolare negli USA, dei nuovi prodotti presentati al mercato nel corso del 2013.

Considerato anche l’andamento positivo del booking del secondo trimestre, per il 2014 la Società si aspetta un graduale miglioramento dei mercati di riferimento, che le due principali divisioni operative, ADC e Industrial Automation, potranno cogliere facendo leva sugli importanti investimenti realizzati ed in corso per migliorare la gamma dei prodotti e per aumentare la quota di mercato nei Paesi c.d. “fast growing”.

***

Si rende noto che l'attività di revisione della Relazione Semestrale non è ancora stata finalizzata e che la relazione della società di revisione verrà pertanto messa a disposizione entro i termini di legge. Si segnala infine che il conto economico e lo stato patrimoniale allegati rappresentano schemi riclassificati e come tali non oggetto di verifica da parte dei revisori.

Si ricorda infine che la Relazione Semestrale di Datalogic S.p.A. sarà a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso la sede sociale e presso la sede di Borsa Italiana S.p.A., e sarà inoltre consultabile sul sito internet della società www.datalogic.com (sezione Investor Relations).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari - Dott. Marco Rondelli – dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

 

Tabella del CE Riclassificato (MOL) al 30 Giugno 2014 – Euro/1.000

CE Riclassificato (MOL) 30 Giugno 2014

Nota: Al fine di garantire una migliore rappresentazione della profittabilità ordinaria del Gruppo, si è preferito esprimere un risultato operativo al lordo dei costi/ricavi non ricorrenti e degli ammortamenti derivanti da acquisizioni, definito “Risultato operativo ordinario prima dei costi e ricavi non ricorrenti e degli ammortamenti derivanti da acquisizioni (EBITANR - Earnings before interest, taxes, acquisition and non recurring)” indicato con il termine “Risultato operativo ordinario”. Per consentire la comparabilità rispetto ai prospetti di bilancio viene comunque fornito un ulteriore margine di profittabilità intermedio (definito come “Risultato operativo”) che include i costi/ricavi non ricorrenti e gli ammortamenti derivanti da acquisizioni che corrisponde a quanto esposto nello schema di Bilancio.

[2] EBITANR – Earnings before interest, taxes, acquisition and non recurring – Risultato operativo ordinario prima dei costi e ricavi non ricorrenti e degli ammortamenti derivanti da acquisizioni.

[3] EBITDA - Earnings before interest, taxes, depreciation and amortization – Utile/perdita del periodo al lordo degli ammortamenti di immobilizzazioni materiali ed immateriali, dei costi non ricorrenti, degli oneri e proventi finanziari e delle imposte sul reddito.

 

Stato Patrimoniale Riclassificato al 30 Giugno 2014 – Euro/1.000

Stato Patromoniale Riclassificato 30 Giugno 2014

 

Posizione Finanziaria Netta al 30 Giugno 2014 – Euro/1.000

Posizione Finanziaria Netta 30 Giugno 2014