/upload/header/investor.jpg

Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione semestrale al 30 giugno 2015


•  Ricavi di vendita pari a 257,5 milioni di Euro in aumento del 14,9% rispetto all’anno precedente

EBITDA a 34,3 milioni di Euro stabile rispetto al primo semestre 2014

Utile netto in crescita del 40,7% a 21,5 milioni di Euro rispetto a 15,2 milioni di Euro del primo semestre 2014

Indebitamento finanziario netto consolidato a 58,4 milioni di Euro rispetto a 55,7 milioni di Euro al 31 dicembre 2014

 

Bologna, 30 luglio 2015 – Il Consiglio di Amministrazione di Datalogic S.p.A. (Borsa Italiana S.p.A.: DAL), società quotata presso il Mercato Telematico Azionario – Segmento Star – organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (“Datalogic”) e leader mondiale nei mercati dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale e produttore di lettori di codici a barre, mobile computer per la raccolta dati, sensori, sistemi di visione e sistemi di marcatura laser, ha approvato in data odierna la relazione semestrale al 30 giugno 2015.

I risultati del semestre, che chiude con un utile netto in aumento del 40,7% a 21,5 milioni di Euro, confermano il trend positivo dell’esercizio in termini di crescita dei ricavi per tutte le divisioni. L’EBITDA rimane sostanzialmente stabile a 34,3 milioni di Euro, nonostante l’impatto negativo dell’andamento dei tassi di cambio e nonostante siano continuati gli investimenti nella Ricerca e Sviluppo e nella rete distributiva per il rilancio del Gruppo sul mercato nord americano.

Il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic, Romano Volta, ha così commentato: “I risultati positivi del semestre rafforzano la validità delle scelte strategiche avviate sia a livello gestionale che di prodotto che hanno permesso una crescita a doppia cifra in Europa e nei Paesi Asiatici. Il retail si conferma essere il motore della crescita ma nel semestre si è assistito anche ad una ripresa nel segmento industriale grazie all’introduzione sul mercato di nuovi prodotti basati su tecnologia imaging per la logistica ed il mondo del factory automation in crescita in Europa. Il contratto acquisito con Royal Mail costituisce inoltre un’interessante premessa per il rilancio della business unit Systems in coerenza con le altre attività del Gruppo.”

I ricavi di vendita si attestano a 257,5 milioni di Euro, con una crescita del 14,9% rispetto ai 224,0 milioni di Euro del primo semestre 2014 (+5% a cambi costanti). Il booking ha raggiunto 271,5 milioni di Euro, in crescita del 16,8% rispetto allo stesso periodo del 2014.

L’incidenza sul fatturato dei nuovi prodotti nel secondo trimestre è stata pari al 26,4%, continuando il trend positivo del primo trimestre (pari al 25,0%) e confermando il successo dell’innovazione tecnologica.

Il Margine Lordo di Contribuzione, si è attestato a 119,8 milioni di Euro in crescita del 9,8% rispetto ai 109,1 milioni di Euro dell’esercizio precedente (+3,9% a cambi costanti).

I costi operativi, pari a 92,7 milioni di Euro, sono in aumento del 14,1% (a cambi costanti l’incremento sarebbe stato del 5,1%) rispetto agli 81,2 milioni di Euro del primo semestre 2014 ed evidenziano un’incidenza sul fatturato del 36,0% leggermente inferiore a quella del primo semestre 2014 pari a 36,3%. I costi per attività di Ricerca e Sviluppo sono cresciuti sia in valore assoluto, da 19,8 milioni di Euro a 23,4 milioni di Euro, sia in termini di incidenza sui ricavi (dall’8,9% al 9,1%), come effetto di una sempre maggiore attenzione da parte del Gruppo allo sviluppo e all’innovazione, mentre i costi di distribuzione sono aumentati da 40,4 milioni di Euro a 48,5 milioni di Euro (incidenza sul fatturato dal 18,0% al 18,8%) principalmente per il rafforzamento della struttura distributiva negli Stati Uniti.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) rimane pressoché stabile a 34,3 milioni di Euro rispetto ai 34,2 milioni di Euro del primo semestre 2014 (+1,6% a cambi costanti) mentre l’incidenza sui ricavi (EBITDA margin) si riduce al 13,3% rispetto al 15,2%. La riduzione della marginalità è in parte attribuibile all’effetto cambi, al netto del quale l’EBITDA margin sarebbe stato pari al 14,7%.

Il Risultato Operativo cresce del 5,2% a 24,7 milioni di Euro rispetto ai 23,5 milioni di Euro (+11,3% a cambi costanti).

Dopo oneri finanziari per 3,2 milioni di Euro rispetto a 4,8 milioni di Euro nel primo semestre 2014 in diminuzione grazie all’effetto della stipula di un nuovo contratto di finanziamento con un “pool” di banche, e utili su cambi pari a 3,4 milioni di Euro rispetto a utili per 0,2 milioni di Euro nel primo semestre 2014, l’utile netto di Gruppo si attesta a 21,5 milioni di Euro in crescita del 40,7% rispetto ai 15,2 milioni di Euro conseguiti nel primo semestre 2014.

L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2015 si attesta a 58,4 milioni di Euro rispetto ai 55,7 milioni di Euro 31 dicembre 2014, e agli 86,0 milioni di Euro al 30 giugno 2014.

Il capitale circolante netto al 30 giugno 2015 si riporta a 30,3 milioni di Euro, valori sostanzialmente allineati ai 29,8 milioni di Euro del 30 giugno 2014.


ANDAMENTO TRIMESTRALE


I ricavi delle vendite del secondo trimestre 2015 si attestano a 135,2 milioni di Euro con una crescita del 16,7% rispetto al secondo trimestre 2014 (a cambi costanti i ricavi si sarebbero attestati a 122,9 milioni di Euro, +6,1%) e del 10,5% rispetto al primo trimestre 2015. Seppure i margini operativi risultino in leggero calo per le stesse dinamiche già evidenziate a livello semestrale e, in particolare il penalizzante effetto cambi, si evidenzia il recupero di marginalità a livello di EBIT.


Confronto secondo trimestre 2015 e secondo trimestre 2014

Confronto trimestre 2015 / 2014


Confronto secondo trimestre 2015 e primo trimestre 2015

Confronto secondo trimestre 2015 e primo trimestre 2015

 

ANDAMENTO PER DIVISIONE

La Divisione ADC (Automatic Data Capture) specializzata nella produzione di lettori di codici a barre fissi per il mercato retail, di lettori manuali e di mobile computer ad uso professionale, ha registrato un fatturato di 177,4 milioni di Euro in crescita del 19,0% rispetto al primo semestre 2014. Tale miglioramento è significativo anche a cambi costanti (+8,8%) grazie al contributo di importanti progetti di scanner da banco e lettori manuali in ambito Retail. L’EBITDA cresce del 18,7% a 36,5 milioni di Euro con una marginalità sostanzialmente invariata al 20,5%.

La Divisione Industrial Automation specializzata nella produzione di sistemi di identificazione automatica, sicurezza, rilevazione e marcatura per il mercato dell’Automazione Industriale, ha registrato un fatturato di 66,6 milioni di Euro, evidenziando una crescita del 6,2% rispetto al primo semestre 2014 (-0,9% a cambi costanti). Al netto dei risultati della Business Unit Systems i ricavi della divisione sono aumentati dell’11,0% a 60,4 milioni di Euro (+4,6% a cambi costanti), confermando la validità del prodotto offerto, ed evidenziando un andamento particolarmente positivo nel mercato Europeo ed Asiatico. Dalla seconda parte dell’anno ci si attende un miglioramento anche della BU Systems che inizierà a beneficiare dei ricavi generati dall’ordine ricevuto da Royal Mail. A livello di marginalità operativa, la divisione risente di maggiori investimenti di Ricerca e Sviluppo, saliti dall’11,5% al 12,7% del fatturato, e nella rete distributiva principalmente negli Stati Uniti, passati dal 23,7% al 27,7% del fatturato. Al netto dei risultati della BU Systems il margine operativo lordo è pari al 7,4% del fatturato.

Infine Informatics ha registrato un fatturato pari a 14,5 milioni di Euro in crescita del 10,7% rispetto ai 13,1 milioni di Euro del primo semestre 2014.

ANDAMENTO PER AREA GEOGRAFICA

In merito alle aree geografiche, nel primo semestre 2015, si è evidenziato un andamento positivo del mercato europeo con una crescita del 13,5%, a 106,8 milioni di Euro. Molto positivo l’andamento delle vendite nei mercati emergenti dell’Asia cresciuto del 30,1% a 33,8 milioni di Euro. Il risultato del Nord America salito a 74,8 milioni di Euro beneficia soprattutto dell’effetto dei tassi di cambio.

Ricavi per area geografica


EVENTI NEL SEMESTRE


In data 25 febbraio è stata perfezionata un’operazione di rifinanziamento del debito a medio termine.
Il contratto di rifinanziamento, firmato con un Pool di Banche, è stato pari a complessivi 140 milioni di Euro e prevede un tasso allineato a quello di mercato e una durata di cinque anni con covenants sostanzialmente in linea con le best practices del Gruppo Datalogic per questo tipo di operazione.

In data 29 maggio è stato concluso un accordo con Royal Mail per l’implementazione di un nuovo sistema automatico di smistamento in circa 20 centri postali nel Regno Unito. Il valore totale della commessa è di circa 29 milioni di Euro.


EVENTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL SEMESTRE

Non vi sono eventi di rilievo da segnalare.

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELL’ATTIVITÀ PER L’ESERCIZIO IN CORSO

I risultati del primo semestre confermano il trend positivo del Gruppo soprattutto nel mercato europeo.  Tale crescita testimonia l’apprezzamento da parte del mercato delle soluzioni tecnologiche frutto di un’intensa attività di ricerca e sviluppo e di una stretta collaborazione con i nostri clienti.

Considerato anche l’andamento positivo del booking del semestre, per la seconda parte del 2015 ci aspettiamo di continuare la crescita sul mercato europeo ed asiatico ed una ripresa in quello statunitense. In particolare la divisione Industrial Automation beneficerà del fatturato derivante da progetti nei segmenti Trasportation e Logistic e Postale nonché per il settore Factory Automation grazie al lancio di nuovi prodotti di alta gamma e dalle alte prestazioni nel corso del terzo trimestre.

Continueranno gli investimenti significativi in Ricerca e Sviluppo già oltre il 9% in termini di incidenza sul fatturato; l’innovazione si conferma pilastro portante del futuro di Datalogic, premiata dalla crescita del fatturato generato dai nuovi prodotti. 

 
***

Si ricorda che la Relazione Semestrale di Datalogic S.p.A. sarà a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso la sede sociale e presso la sede di Borsa Italiana S.p.A., e sarà inoltre consultabile sul sito internet della società www.datalogic.com (sezione Investor Relations).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari - Dott. Sergio Borgheresi – dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

 

Tabella del CE Riclassificato (MOL) al 30 Giugno 2015 – Euro/1.000

CE Riclassificato (MOL)



[1] EBITDA - Earnings before interest, taxes, depreciation and amortization – Utile/perdita del periodo al lordo degli ammortamenti di immobilizzazioni materiali ed immateriali, dei costi non ricorrenti, degli oneri e proventi finanziari e delle imposte sul reddito. L’EBITDA così definito è una misura utilizzata dal Management per monitorare e valutare l’andamento operativo della stessa e non è identificata come misura contabile nell’ambito degli IFRS e, pertanto, non è oggetto di verifica da parte della Società di Revisione.

 

Stato Patrimoniale Riclassificato al 30 Giugno 2015 [2] – Euro/1.000

Stato Patromoniale riclassificato

[2] L’analisi patrimoniale e finanziaria riclassificata evidenzia aggregazioni utilizzate dal Management per valutare l’andamento patrimoniale-finanziario del Gruppo. Trattatasi di misure generalmente adottate nella prassi della comunicazione finanziaria, immediatamente riferibili ai dati contabili degli schemi primari di bilancio che tuttavia non sono identificate come misure contabili nell’ambito degli IFRS e pertanto non oggetto di verifica da parte della Società di Revisione. 

Posizione Finanziaria Netta al 30 Giugno 2015 – Euro/1.000

Posizione Finanziaria Netta


 

 

Il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic, Romano Volta, ha così commentato: “I risultati positivi del semestre rafforzano la validità delle scelte strategiche avviate sia a livello gestionale che di prodotto che hanno permesso una crescita a doppia cifra in Europa e nei Paesi Asiatici. Il retail si conferma essere il motore della crescita ma nel semestre si è assistito anche ad una ripresa nel segmento industriale grazie all’introduzione sul mercato di nuovi prodotti basati su tecnologia imaging per la logistica ed il mondo del factory automation in crescita in Europa. Il contratto acquisito con Royal Mail costituisce inoltre un’interessante premessa per il rilancio della business unit Systems in coerenza con le altre attività del Gruppo.”