/upload/header/investor.jpg

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Semestrale al 30 giugno 2016. Ricavi, margine operativo e utile netto in forte crescita


Ricavi di vendita pari a 281,8 milioni di Euro in aumento del 9,5% rispetto ai 257,5 milioni di Euro del primo semestre 2015 (+9,5% a cambio Euro/Dollaro costante)

EBITDA in decisa crescita del 31% a 45 milioni di Euro rispetto ai 34,3 milioni di Euro del primo semestre 2015 (EBITDA Margin sale al 16% dal 13,3%)

Utile netto in aumento del 22% a 26,2 milioni di Euro rispetto ai 21,5 milioni di Euro del primo semestre 2015

• Indebitamento finanziario netto a 27,5 milioni di Euro rispetto a 21 milioni di Euro al 31 dicembre 2015 

Bologna, 4 agosto 2016 - Datalogic S.p.A. (Borsa Italiana S.p.A.: DAL), società quotata presso il Mercato Telematico Azionario – Segmento Star – organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (“Datalogic”) e leader mondiale nei settori dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale e produttore di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori per la rilevazione, misura e sicurezza, sistemi di visione e marcatura laser, ha approvato in data odierna la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016.

I risultati del semestre evidenziano una forte crescita di tutti gli indicatori economici confermando l’andamento positivo registrato nel primo trimestre. Grazie ad un sostenuto incremento dei ricavi di vendita, l’EBITDA sale del 31% a circa 45 milioni di Euro, l’EBIT cresce di oltre il 43% a 35,3 milioni di Euro e l’utile netto migliora del 22% a 26,2 milioni di Euro.

Il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic, Romano Volta, ha così commentato: “I risultati del semestre evidenziano un andamento molto positivo di tutto il Gruppo. I ricavi mostrano una crescita superiore rispetto al mercato in entrambe le divisioni grazie alla continua innovazione di prodotto che ha permesso di offrire soluzioni altamente innovative ai nostri clienti e partner e grazie agli investimenti effettuati nella forza distributiva. Mi preme sottolineare gli ottimi risultati ottenuti sul mercato Nord Americano e in Europa. Molto positivo anche l’andamento della marginalità, con il conseguimento di un’EBITDA margin di Gruppo del 16% - il migliore dell’ultimo decennio – che ha beneficiato nel semestre di alcune azioni di contenimento dei costi operativi e dello slittamento di alcune spese in ambito R&D. Tale andamento supportato da un booking in crescita e dall’ottimizzazione dei costi di produzione e operativi in corso ci rende fiduciosi nel conseguimento di risultati positivi anche nella seconda parte dell’anno”.

I ricavi delle vendite riflettono l’andamento favorevole ottenuto dalle divisioni nel periodo e si attestano a 281,8 milioni di Euro, con una crescita del 9,5% rispetto ai 257,5 milioni di Euro del primo semestre 2015 (percentuale invariata nell’analisi a cambio Euro/Dollaro costante). Il booking ha raggiunto 288,2 milioni di Euro, in crescita del 7,2% rispetto allo stesso periodo del 2015.

L’incidenza sul fatturato dei nuovi prodotti nel secondo trimestre è stata pari al 27,4%, sostanzialmente in linea con il trend positivo del primo trimestre (pari al 27,6%) ed in aumento rispetto allo stesso periodo del 2015 (26,4%).

Il Margine Lordo di Contribuzione, pari a 131 milioni di Euro cresce del 7,9% rispetto a 121,4 milioni di Euro realizzati nello stesso periodo dell’esercizio precedente (stessa incidenza nell’analisi a cambio Euro/Dollaro costante), mentre la sua incidenza sui ricavi passa dal 47,2% del 2015 al 46,5% del 2016. Il calo è dovuto principalmente ad un diverso mix di prodotti venduti.

I costi operativi, pari a 94,9 milioni di Euro, evidenziano una crescita inferiore all’1% rispetto ai 94,3 milioni di Euro del primo semestre 2015 con un’incidenza sul fatturato del 33,7% in netto miglioramento rispetto a quella del primo semestre 2015 pari a 36,6%. Tale andamento riflette un’attività volta al contenimento delle spese amministrative e generali, diminuite del 5,8% a beneficio dell’incremento dei costi per attività di Ricerca e Sviluppo, cresciuti del 3,7% a 24,3 milioni di Euro, con un’incidenza dell’8,6% sui ricavi, inferiore a quella dello stesso periodo dell’anno precedente per un mero effetto di posticipo.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) cresce in maniera decisa del 31% da 34,3 milioni di Euro a 45 milioni di Euro (+31,1% a cambio Euro/Dollaro costante) mentre l’incidenza sui ricavi (EBITDA margin) sale al 16% rispetto al 13,3% senza risentire dell’effetto cambio Euro/Dollaro.

Il Risultato Operativo cresce del 43,1% a 35,3 milioni di Euro rispetto ai 24,7 milioni di Euro (+43,2% a cambio Euro/Dollaro costante).

Dopo oneri finanziari per 1,9 milioni di Euro rispetto a 3,2 milioni di Euro nel primo semestre 2015 in diminuzione grazie all’effetto della stipula nel febbraio 2015 di un nuovo contratto di finanziamento con un “pool” di banche, e perdite su cambi pari a 0,3 milioni di Euro rispetto a utili per 3,4 milioni di Euro nel primo semestre 2015, l’utile netto di Gruppo si attesta a 26,2 milioni di Euro in crescita del 22% rispetto ai 21,5 milioni di Euro conseguiti nel primo semestre 2015.

L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2016 si attesta a 27,5 milioni di Euro rispetto ai 21,0 milioni di Euro al 31 dicembre 2015, e ai 58,4 milioni di Euro al 30 giugno 2015.

Il capitale circolante netto commerciale al 30 giugno 2016 si attesta a 56,1 milioni di Euro, rispetto ai 36,5 milioni di Euro al 31 dicembre 2015, e ai 54 milioni di Euro al 30 giugno 2015. L’aumento rispetto a dicembre è principalmente ascrivibile ad un fisiologico incremento delle rimanenze nel primo semestre dell’anno.


ANDAMENTO TRIMESTRALE


I ricavi delle vendite del secondo trimestre 2016 si attestano a 146,5 milioni di Euro con una crescita dell’8,4% rispetto al secondo trimestre 2015 (+9,4% a cambio Euro/Dollaro costante) e dell’8,2% rispetto al primo trimestre 2016. Il booking nel corso del trimestre – gli ordini già acquisiti – è stato pari a 147,7 milioni di Euro, in crescita del 17,5% rispetto al secondo trimestre 2015.
I margini operativi risultano in forte crescita sia rispetto al secondo trimestre dell’esercizio 2015 che al primo trimestre dell’esercizio in corso.

Confronto secondo trimestre 2016 e secondo trimestre 2015

Datalogic


Confronto secondo trimestre 2016 e primo trimestre 2016

Datalogic

(*) Ai fini di dare una rappresentazione puntuale delle performance economiche dei settori operativi, si è ritenuto opportuno riportare il Divisional EBITDA quale KPI di monitoring.


ANDAMENTO PER DIVISIONE

Datalogic


La Divisione ADC (Automatic Data Capture) specializzata nella produzione di lettori di codici a barre fissi per il mercato retail, di lettori manuali e di mobile computer ad uso professionale, ha registrato nel semestre un fatturato di 194,8 milioni di Euro in crescita del 9,8% (invariato l’incremento a cambio Euro/Dollaro costante) rispetto al primo semestre 2015 e nel secondo trimestre un fatturato di 101,6 milioni di Euro in crescita dell’8,8% (+9,8% a cambio Euro/Dollaro costante) rispetto al secondo trimestre 2015. L’andamento semestrale è risultato particolarmente positivo sia in Nord e Sud America con crescite superiori al 20% ed è stato trainato dalla vendita degli scanner da banco a tecnologia imaging e dei mobile computer.
La marginalità della divisione ha sfiorato il 25% nel semestre raggiungendo i valori più elevati nella storia del Gruppo grazie al miglioramento della leva operativa e del contenimento dei costi.

La Divisione Industrial Automation specializzata nella produzione di sistemi di identificazione automatica, sicurezza, rilevazione e marcatura per il mercato dell’Automazione Industriale, ha registrato nel semestre un fatturato di 75,7 milioni di Euro, in crescita del 13,7% rispetto al primo semestre 2015 (invariato l’incremento a cambio Euro/Dollaro costante) e nel secondo trimestre un fatturato di 40,2 milioni di Euro, in aumento del 15,5% rispetto al secondo trimestre 2015 (+16,3% a cambio Euro/Dollaro costante). Al netto dei risultati della Business Unit Systems, che beneficia, tra gli altri, dell’ordine ricevuto da Royal Mail (la società di gestione delle poste del Regno Unito), i ricavi della divisione sono aumentati dell’8,9% a 65,8 milioni di Euro (invariato l’incremento a cambio Euro/Dollaro costante) nel semestre e dell’11,1% a 35 milioni di Euro (+11,6% a cambio Euro/Dollaro costante) nel trimestre. A livello di ricavi si evidenzia una performance eccezionale dei lettori di codice a barre per applicazioni in ambito industriale in tutte le geografie. In termini di marginalità si registra un miglioramento dell’EBITDA Margin dal 2% al 5,1% (7,1% al netto dei risultati della BU Systems).

Informatics ha registrato un fatturato pari a 12,8 milioni di Euro rispetto ai 14,5 milioni di Euro del primo semestre 2015.

ANDAMENTO PER AREA GEOGRAFICA

In merito alle aree geografiche, nel primo semestre 2016, si è evidenziato un andamento positivo delle vendite sia del mercato Nord Americano, con una crescita del 14,8%, a 84,5 milioni di Euro, che del mercato Europeo con una crescita del 9,4% a 118 milioni di Euro.

Datalogic


EVENTI NEL SEMESTRE


In data 4 marzo 2016, a seguito delle dimissioni di Sergio Borgheresi, Stefano Biordi è stato nominato Group CFO ad interim di Datalogic e Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, e Vincenza Colucci è stata nominata Investor Relator di Datalogic.

In data 16 Aprile 2016 è stato inaugurato un nuovo impianto industriale di 7.000 mq a Balatonboglar in Ungheria, dedicato principalmente alla produzione di apparecchi per il Factory Automation. L’obiettivo dell’investimento, pari a oltre 9 milioni di Euro ripartito sugli anni 2014-2016, è duplice: da un lato ampliare la capacità produttiva in coerenza con i piani di crescita del Gruppo, dall’altro assicurare una maggior flessibilità e la massima qualità al processo produttivo grazie all’introduzione di tre nuove linee SMT.

In data 2 maggio 2016 l’Assemblea degli azionisti ha, tra l’altro, nominato – per il triennio 2016/2018 – il “nuovo” Collegio Sindacale della Società nelle persone di:

-      Fiorenza Salvatore Marco Andrea – Presidente;
-      Santagostino Roberto – Sindaco effettivo;
-      Lancellotti Elena – Sindaco effettivo.

In data 28 giugno 2016, la Società ha comunicato l’avvio del programma di acquisto di azioni proprie in esecuzione della delibera assunta dall’Assemblea degli azionisti in data 2 maggio 2016.

EVENTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL SEMESTRE ED ALTRE INFORMAZIONI

Nella riunione odierna, il Consiglio di Amministrazione ha altresì deliberato di dare avvio ad un progetto finalizzato alla focalizzazione di tutti i processi aziendali del Gruppo Datalogic in ottica Cliente, con l’obiettivo di rendere la Società sempre più “Customer Driven”.
Conseguentemente, tutti i clienti potranno ulteriormente beneficiare della massima qualità in termini di prodotto ed efficacia dei servizi offerti.
Tale progetto – in fase di definizione – potrà rendere più efficace la struttura societaria del Gruppo Datalogic, migliorando la “Customer Satisfaction”.

Alla luce delle recenti novità normative introdotte dal Legislatore Comunitario, su proposta del Presidente e Amministratore Delegato, il Consiglio di Amministrazione ha altresì deliberato, nella riunione odierna, di modificare la “Procedura per la gestione delle informazioni privilegiate”, reperibile - nella sua versione aggiornata – sul sito internet della Società www.datalogic.com (sezione Investor Relations).
 
Infine, a seguito della nomina del nuovo COO di Gruppo – dott.ssa Carol Couch – nella riunione odierna il Consiglio di Amministrazione ha considerato positivamente conclusa la responsabilità (i.e. delega consiliare) conferita ad interim, lo scorso 7 maggio 2015, all’Ing. Carlo Aversa in materia di coordinamento, supervisione e gestione di tutte le operations del Gruppo Datalogic.
Il Consiglio di Amministrazione ringrazia l’ing. Aversa per il lavoro svolto a beneficio del Gruppo.
L’Ing. Carlo Aversa rimane Amministratore non esecutivo della Società.

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELL’ATTIVITÀ PER L’ESERCIZIO IN CORSO

I risultati del semestre confermano il trend positivo del Gruppo soprattutto nel mercato europeo ed in Nord America che registrano una crescita significativa rispetto al primo semestre del 2015 (rispettivamente +8% e +15,1% a cambio Euro/Dollaro costante). Tale crescita testimonia l’apprezzamento da parte del mercato delle soluzioni tecnologiche frutto di un’intensa attività di ricerca e sviluppo e una più canalizzata risposta al mercato con un particolare focus sulla gamma di applicazioni rivolte ai settori retail, trasporti e logistica, all’industria manifatturiera ed alla sanità.

Il Gruppo continuerà gli investimenti significativi in R&D e prevede di beneficiare, a partire dalla seconda metà dell’anno, degli effetti positivi attesi dall’ottimizzazione di costi di produzione e costi operativi in corso derivanti da progetti di riorganizzazione e centralizzazione di attività e funzioni del Gruppo.

***

Si ricorda che la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016 di Datalogic S.p.A. sarà a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso la sede sociale, presso Borsa Italiana S.p.A. (www.borsaitaliana.it), presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato “Storage”, gestito da BIt Market Services, e sarà altresì reperibile sul sito internet della società www.datalogic.com (sezione Investor Relations).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari - Dott. Stefano Biordi – dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

 

Tabella del CE Riclassificato (MOL) al 30 Giugno 2016 – Euro/1.000

Datalogic


[1] EBITDA - Earnings before interest, taxes, depreciation and amortization – Utile/perdita del periodo al lordo degli ammortamenti di immobilizzazioni materiali ed immateriali, dei costi non ricorrenti, degli oneri e proventi finanziari e delle imposte sul reddito.
L’EBITDA così definito è una misura utilizzata dal Management per monitorare e valutare l’andamento operativo della stessa e non è identificata come misura contabile nell’ambito degli IFRS e, pertanto, non è oggetto di verifica da parte della Società di Revisione.

 

Stato Patrimoniale Riclassificato al 30 Giugno 2016 [2] – Euro/1.000

Datalogic

[2]L’analisi patrimoniale e finanziaria riclassificata evidenzia aggregazioni utilizzate dal Management per valutare l’andamento patrimoniale-finanziario del Gruppo. Trattatasi di misure generalmente adottate nella prassi della comunicazione finanziaria, immediatamente riferibili ai dati contabili degli schemi primari di bilancio che tuttavia non sono identificate come misure contabili nell’ambito degli IFRS e pertanto non oggetto di verifica da parte della Società di Revisione.

Posizione Finanziaria Netta al 30 Giugno 2016 – Euro/1.000

Datalogic


 

 

Il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic, Romano Volta, ha così commentato: “I risultati positivi del semestre rafforzano la validità delle scelte strategiche avviate sia a livello gestionale che di prodotto che hanno permesso una crescita a doppia cifra in Europa e nei Paesi Asiatici. Il retail si conferma essere il motore della crescita ma nel semestre si è assistito anche ad una ripresa nel segmento industriale grazie all’introduzione sul mercato di nuovi prodotti basati su tecnologia imaging per la logistica ed il mondo del factory automation in crescita in Europa. Il contratto acquisito con Royal Mail costituisce inoltre un’interessante premessa per il rilancio della business unit Systems in coerenza con le altre attività del Gruppo.”