Datalogic presenta il nuovo sensore compatto S8 Clear Detection LASER per la rilevazione precisa ed affidabile di oggetti lucidi anche su sfondi altamente riflettenti

Bologna, 29 Luglio 2013 - Datalogic, leader mondiale nell' acquisizione automatica dei dati e nell'automazione industriale, ha sviluppato e brevettato una soluzione innovativa per la rilevazione a tasteggio diretto (quindi senza bisogno di riflettori prismatici) di oggetti estremamente riflettenti e trasparenti con inoltre una funzione di soppressione dello sfondo che consente di rendere la rilevazione immune da oggetti o sfondi retrostanti, che possono essere scuri oppure riflettenti come nel caso di superfici metalliche, o addirittura variabili tra queste due condizioni limite.

Per consentire di risolvere diversi casi applicativi, Datalogic ha sviluppato due versioni di questo nuovo sensore della serie S8, una con emissione a LED (S8 Clear Detection LED) e un’altra con emissione Laser (S8 Clear Detection LASER), in entrambi casi visibile rossa.

 La versione con emissione Laser ha una distanza massima di lavoro regolabile da 50 a 150 mm e, grazie al raggio luminoso concentrato in pochi millimetri, consente di effettuare applicazioni di precisione ad elevata risoluzione in condizioni di sfondo fisso, come ad esempio la rilevazione di oggetti altamente riflettenti con il sensore installato sul bordo laterale di un conveyor.

 La versione con emissione LED, raccomandata per la rilevazione degli oggetti trasparenti, ha una maggiore distanza di lavoro regolabile da 100 a 300 mm, con un raggio luminoso che comprende un’area più ampia, ed è indicata per applicazioni con sfondo in movimento, come ad esempio per la rilevazione dall’alto di oggetti posizionati su di un nastro trasportatore o una rulliera.

I due modelli consentono dunque di rilevare la più ampia gamma di oggetti trasparenti e più o meno riflettenti, dalle bottiglie in vetro o in PET ai film plastici per il confezionamento, dalle fiale ai blister impiegati in campo farmaceutico e dalle vaschette ai sacchetti utilizzati nel settore alimentare.

Le maggiori applicazioni per questi sensori S8-M53 si trovano infatti sulle macchine per la lavorazione e il confezionamento di liquidi, bevande, prodotti alimentari e farmaceutici. Non a caso questi sensori sono disponibili in versione in plastica, ma anche con contenitore in acciaio inossidabile con protezione IP69K e certificato per l’impiego con detergenti industriali secondo Diversey e Ecolab.

La serie S8 di sensori fotoelettrici Datalogic nasce per risolvere le applicazioni più critiche di rilevazione nelle macchine automatiche, ovvero tutti quei casi in cui ricorre la parola “troppo” seguita da un aggettivo: trasparente, riflettente, piccolo, veloce, ecc.

Sono infatti disponibili tutti i modelli standard a tasteggio con soppressione dello sfondo, retroriflessione polarizzata e proiettore-ricevitore, così come altri modelli applicativi specifici per le macchine automatiche, come ad esempio il sensore di contrasto con emissione RGB per la rilevazione delle tacche di registro presenti sulle confezioni per sincronizzare le varie operazioni di taglio, formatura, chiusura, ecc. Tra i nuovi sviluppi è previsto un sensore di luminescenza con emissione a LED UV per la rilevazione di tacche fluorescenti, anche invisibili all’occhio umano.