Datalogic presenta in anteprima nuove soluzioni di identificazione all’SPS IPC Drives di Parma

Padiglione 3, stand D002 

Bologna – 5 Maggio 2015 Datalogic, leader mondiale nei settori dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale e produttore di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori, sistemi di visione e marcatura laser, sarà presente all’SPS IPC DRIVES (12 - 14 Maggio, Parma), l’evento italiano più importante nel mondo dell’automazione industriale.

Grazie alla leadership nei settori dell’Automatic Data Capture e dell’Automazione Industriale e all’ampia gamma di tecnologie laser scanner, imager e camere linea, Datalogic è in grado di offrire ai propri clienti le migliori soluzioni di riconoscimento e lettura di bar code, guidandoli nella scelta della soluzione più adatta e combinando insieme più tecnologie per massimizzare la produttività e il ritorno sull’investimento.

In occasione della quinta edizione dell’SPS IPC Drives di Parma, Datalogic presenta il proprio portfolio di prodotti finalizzati a tutte le principali applicazioni nel campo dell’automazione industriale, come scanner laser industriali, sensori e dispositivi di sicurezza, telecamere e sistemi di visione e marcatori laser.

In particolare, presso lo stand Datalogic, l’attenzione è focalizzata sulle novità di prodotto della Business Unit Sensors & Safety: le nuove barriere di sicurezza: SLIM e SG4-H. Mostrati in anteprima al pubblico di Parma, i due prodotti sono destinati principalmente al settore del packaging uno dei core business  per l’azienda bolognese.

Le barriere di sicurezza SLIM, il cui nome implica le loro dimensioni ridotte (14 mm x 32 mm), sono caratterizzate da un profilo sottile e raggiungono le stesse performance delle barriere compatte nelle tipiche applicazioni a bordo macchina. Completamente in metallo, le nuove barriere possono assumere lunghezze modulari fino a 30 mm. Semplici da utilizzare, le barriere SLIM non richiedono alcun settaggio e sono disponibili in 3 diverse versioni di risoluzione, da 14, 24 o 34 mm. Oltre che in macchine dedicate al packaging, le barriere SLIM possono essere integrate facilmente in impianti destinati all’assemblaggio, al riempimento, al controllo qualità e al magazzino automatico, dove lo spazio a disposizione è ridotto, le distanze dalla zona pericolosa sono minime ed è frequente l’intervento degli addetti ai lavori.

Riflettori puntati anche su un’altra novità di Datalogic in anteprima esclusiva per l’SPS IPC Drives: le barriere di sicurezza SG4-H. Proposte come un prodotto di nicchia e innovativo, le barriere SG4-H sono le prime con un profilo rettangolare di 30 x 50 mm in acciaio INOX IP67 e IP69K. Destinate principalmente all’industria farmaceutica, nello specifico ad applicazioni avanzate di macchinari attivi nella lavorazione e il confezionamento dei farmaci, le SG4-H rappresentano la prima soluzione capace di offrire la massima protezione meccanica in impianti industriali dove il lavaggio e la sterilizzazione sono azioni di routine per prevenire la proliferazione e la contaminazione batterica. Inoltre, le nuove barriere avranno importanti  sviluppi anche nel settore Food & Beverage, in particolare nelle macchine e impianti che richiedono frequenti “wash-down”.

Sia le barriere SLIM che le SG4-H saranno a breve lanciate sul mercato a livello globale.

L’SPS IPC Drives di Parma, inoltre, rappresenta per Datalogic l’occasione ideale per mostrare in anteprima le ultime novità nell’ambito della visione artificiale. Lo testimoniamo i nuovi modelli di smart camera a colori P11 (VGA) e P16 (1.3MP) che vanno a estendere ulteriormente gli scenari applicativi della linea di prodotto  P-Series.

Le varianti a colori offrono una soluzione semplice ed economica alle più comuni esigenze applicative in ambito packaging quali, ad esempio, il riconoscimento e l’ispezione di etichette, tappi e grafiche di prodotto.

Sempre basato sulla piattaforma P-Series, il modello P19 offre una soluzione verticale specifica per la lettura OCR di stringhe alfanumeriche, quali date di scadenza e lotti di produzione. L’interfaccia di configurazione di questo modello è stata appositamente progettata per guidare passo dopo passo l’utente nel processo di controllo, rendendo le applicazioni di lettura OCR più semplici che mai.

Presso lo stand D002 nel padiglione 3, presente all’appello anche la nuova generazione di imager Datalogic per la lettura di codici a barre 2D: la famiglia Matrix N Line, che utilizza il rivoluzionario software DL.CODE.  Grazie alla sua facilità di utilizzo, il software DL.CODE introduce nuovi e significativi vantaggi applicativi dell’innovativa gamma di imager MATRIX N Line. Tra i prodotti di punta della rinnovata famiglia di lettori di codici 1D e 2D, l’indiscusso leader Matrix 300N, il lettore ad alte prestazioni Matrix 410N e la nuova soluzione XRF410N sviluppata per applicazioni di movimentazione materiali e smistamento in ambito logistico.

Durante l’SPS IPC Drives di Parma, infine, ha luogo la presentazione ufficiale al grande pubblico del nuovo marcatore laser a fibra UniQ, il primo “all-in-one”, lanciato sul mercato lo scorso marzo, che definisce un approccio rivoluzionario e innovativo alla marcatura laser a fibra.

UniQ, dotato di un design compatto, meccanico, robusto e di alta qualità, adatto ad ambienti difficili e ad applicazioni industriali, completa così le novità relative al portfolio dei prodotti Datalogic, che da sempre si impegna a fornire ai propri clienti soluzioni progettate appositamente per rispondere alle loro esigenze.