Localizzazione in tempo reale ad elevata accuratezza: l’esperienza SELECT

Bologna, 21 Febbraio 2014 Datalogic, leader mondiale nei mercati dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale e produttore di lettori di codici a barre, mobile computer per la raccolta dati, sensori, sistemi di visione e sistemi di marcatura laser, presenterà al pubblico, insieme al CRIT Research™, società privata specializzata nell’informazione tecnologica e nella pratica della innovazione collaborativa, e all’Università di Bologna, i risultati del progetto di ricerca Europeo SELECT (Smart and Efficient Location, Identification and Cooperation Techniques).

Martedì 25 febbraio 2014 presso la sede di Datalogic a Monte San Pietro (Bo), Giancarlo Micheletti e Marco Bottazzi di Datalogic e il Prof. Davide Dardari dell’università di Bologna, illustreranno, anche attraverso un prototipo, le potenzialità di un nuovo sistema wireless ad elevata accuratezza, per l’identificazione e la ricerca in tempo reale degli oggetti, nell’area dell’intelligent transportation e manufacturing e in particolare per la gestione della catena logistica (SCM - Supply Chain Management).

Nel corso della presentazione saranno illustrati i risultati molto importanti ottenuti nell’uso della tecnologia Ultra-Wide Band (UWB, tecnologia radio a impulsi a banda ultra larga) applicata alla localizzazione di precisione. La tecnologia UWB che è studiata da circa cinquant’anni per scopi militari e solo recentemente aperta ad usi civili, ha attratto l’attenzione dei ricercatori specialmente per quanto concerne l’applicazione in campo radar, sistemi anti-intrusione, localizzazione di precisione e Wireless Personal Area Network. Diversamente dai sistemi UWB esistenti, SELECT è basato sull’utilizzo del principio di backscattering nella comunicazione di ritorno dal tag. Ciò consente di realizzare tag passivi, semplici ed economici e perfettamente adattabili ad un uso industriale. Un’altra importante caratteristica è l’integrazione  della parte UWB con un tag RFID, basato sullo standard di mercato EPC Gen2.

Il progetto SELECT è inserito nell’ambito del settimo programma quadro (2007-2013) per la ricerca e lo sviluppo tecnologico promosso dalla Commissione Europea. Il progetto ha beneficiato di un finanziamento di 2.850.000 di Euro, per un periodo complessivo di 36 mesi che si concludono il 28 febbraio 2014.

Il team di lavoro, oltre che da Datalogic, coordinatore del progetto, è composto da altre 7 realtà europee altamente specializzate in R&D nel campo del wireless: CNIT (Italia), Consorzio Interuniversitario per le Telecomunicazioni, organizzazioni no profit per ricerca e trasferimento tecnologico; ARMINES (Francia), un’organizzazione no-profit specializzata nel contractual research (ricerca per contratto) a favore di istituzioni accademiche (in particolare ENSTA Paritech, École Nationale Supérieure de Techniques Avancées); CEA-LETI (Francia), centro leader in Europa nel campo delle ricerche in microelettronica, microtecnologia e nanotecnologia. CEIT - Centre of Technical and Research Studies of Gipuzkoa (Spagna), centro di ricerca no-profit fondato dall’Università di Navarra nel 1982; FRAUNHOFER IIS (Germania), l’Istituto di ricerca più importante del Fraunhofer-Gesellschaft; NOVELDA AS (Norvegia), azienda nata nel 2004 come spin-off dell’Università di Oslo; ISKRA (Slovenia), fornitore globale di soluzioni industriali e prodotti elettronici.

Giancarlo Micheletti, Senior Technology Officer Datalogic, Coordinatore del progetto SELECT a nome della Commissione  Europea, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti con questo progetto di ricerca, che consentiranno un grosso passo avanti verso l’applicazione di nuovi strumenti nel campo dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale, settori dove siamo attualmente leader di mercato. SELECT è stata sicuramente un’importante opportunità per Datalogic e per i partner di questo progetto, per fare un passo in avanti nella ricerca delle più efficienti modalità di gestione della catena logistica, a tutto vantaggio del progresso tecnologico e dello sviluppo economico. Concludo infine sottolineando con orgoglio, l’efficacia della gestione operativa e direzionale da parte di Datalogic nei confronti di altre realtà Europee di alto livello”.