Datalogic e SMI: una partnership tutta italiana per la realizzazione di macchine di imballaggio e impianti di imbottigliamento

Bologna, 21 luglio 2014Datalogic, leader mondiale nei settori dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale, nonché produttore di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori, sistemi di visione e marcatura laser, e il Gruppo SMI, uno dei maggiori costruttori di impianti di imbottigliamento e macchine di imballaggio a livello mondiale annunciano di aver concluso un accordo per la fornitura in esclusiva di prodotti Datalogic. 

La partnership prevede una collaborazione tra le due aziende per l’impiego di sensori Datalogic nella realizzazione delle macchine per l’imbottigliamento e imballaggio destinate a realtà del calibro di Carlsberg, Coca Cola, Danone, Diageo, Inbev, Heinz, Heineken, Nestlè,  PepsiCo,  SABMiller e Unilever. 

SMI ha scelto Datalogic per la qualità delle soluzioni tecnologiche offerte e soprattutto per la capacità dell’azienda bolognese di offrire una gamma completa nel settore Industrial Automation che comprende, oltre ai sensori (fotoelettrici, induttivi, capacitivi e a ultrasuoni) e le barriere per la sicurezza, anche lettori di codice a barre, sistemi di visione e soluzioni di marcatura laser. 

L’accordo prevede inoltre l’avvio di una collaborazione per lo sviluppo di nuove soluzioni che vadano incontro alle future esigenze dei clienti finali e del mercato di riferimento. 

Tra i prodotti che Datalogic fornirà a SMI si evidenziano sensori induttivi serie IS, sensori fotoelettrici tubolari M18 serie S15, sensori a forcella SR21, sensori miniatura S3Z, sensori compatti S8, amplificatori a fibra ottica S7 e sensori ultrasuoni US18. 

I sensori di prossimità induttivi della serie IS offrono una gamma completa di modelli con diametro da 6,5 a 30 mm e sono la soluzione più economica per rilevare in modo preciso oggetti metallici a distanze da 1,5 mm a 20 mm. 

I sensori fotoelettrici tubolari standard M18 della serie S15 comprendono una linea completa di funzioni ottiche di rilevazione a tasteggio o a sbarramento, con versioni in plastica o in acciaio inossidabile a protezione IP69K e certificazione per l’impiego nell’industria alimentare e dell’imbottigliamento. 

I sensori a forcella SR21 offrono la soluzione migliore per la rilevazione di etichette ad elevata risoluzione e velocità, con tempi di risposta di soli 20 µ e frequenze di rilevazione fino a 25 kHz. 

La serie S3Z include una gamma completa di sensori fotoelettrici miniatura, con modelli economici per applicazioni base e modelli con emissione laser per la rilevazione di oggetti piccoli o ad elevata velocità. Mentre per applicazioni più avanzate di rilevazioni di contrasto, di luminescenza, o di oggetti trasparenti a tasteggio con soppressione di sfondo è disponibile la serie S8 di sensori compatti, anche in questo caso disponibili in acciaio inossidabile con protezione IP69K per l’industria alimentare e dell’imbottigliamento. 

Gli amplificatori a fibra ottica della serie S7 sono invece impiegati per la rilevazioni di oggetti molto piccoli o in zone difficilmente accessibili con normali sensori fotoelettrici ad ottica integrata. 

Infine, i sensori a ultrasuoni della serie US18 offrono la migliore alternativa ai sensori fotoelettrici per la rilevazione di oggetti trasparenti (es. in plastica, vetro o liquidi) oppure in presenza di riflessioni ottiche. 

Romano Volta, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic ha commentato: ”Siamo orgogliosi di aver concluso una partnership con SMI, un’azienda consolidata e innovativa. Ricordo che Datalogic è un’azienda in grado di proporre un’offerta estremamente vasta per soddisfare le esigenze dei nostri clienti e partner, sia nel settore dell’automazione industriale che in quello dell’acquisizione automatica dei dati”. 

Pietro Volpi, Responsabile Uff. Marketing del Gruppo SMI, ha commentato: “La collaborazione con partner italiani di comprovata fiducia come Datalogic è uno dei fattori chiave che ci permettono di fornire soluzioni e sistemi ad avanzato contenuto tecnologico, che assicurano affidabilità, flessibilità e risparmio energetico, ai nostri clienti presenti in oltre 130 Paesi del mondo; del resto, la continua innovazione è uno dei capisaldi sui cui da quasi 30 anni il Gruppo SMI costruisce il proprio successo”.